L’invisibile città del possibile

The city, complex and stratified, holds together different pieces of a story.
The city reveals itself to the eyes of people walking through it,
moved by invisible forces, step by step, as in a secret dance.
Every route has its own features, it exists in time,
it can be linear and growing as the perspective surrounding of a boulevard,
or else stretched and incoherent, through the narrow alleys of Mont Martre.
Or a course into the bowels of earth, with the restless throbbing of the pipes and the metro,
and suddenly the light above, the glass pyramids of the Louvre.
These routes cross a Paris which becomes the background for hidden intentions and secret views.
The city has different streets and different dominants for everyone.
This subtle texture made of impressions and memories results in a four-movement synthesis:

approach,

silence,

contamination,

dance.

[Neil on Impression]

 

«Tra il giudicare negativamente il fascismo e un impegno politico antifascista c’era una distanza che ora è quasi inconcepibile».

«Non credo che questo mi abbia nuociuto: ci si abitua ad avere ostinazione nelle proprie abitudini, a trovarsi isolati per motivi giusti, a sopportare il disagio che ne deriva, a trovare la linea giusta per mantenere posizioni che non sono condivise dai più. Ma soprattutto sono cresciuto tollerante verso le opinioni altrui, particolarmente nel campo religioso […] E nello stesso tempo sono rimasto completamente privo di quel gusto dell’anticlericarismo così frequente in chi è cresciuto in mezzo ai preti».

Italo Calvino Le città invisibili

Annunci